L’ultimo giorno del mondo Nicolas Bonazzi Testo e video


L’ultimo giorno del mondo Nicolas Bonazzi testo

Ripiegate le braccia, sigillate le labbra
la battaglia è già persa ma la guerra è risorta
e nel dubbio tra giusto e sbagliato
qualche cosa abbiamo imparato
che il passato è passato
ma abbiamo il domani
ed è un bene prezioso.
E se questo risveglio fosse l’ultimo al mondo
e se quel che sembra perso fosse rimasto in fondo
ad attendere il meglio di noi
la versione finale per poi
insegnarci l’immenso valore di un’altra occasione
Se se… oggi fosse l’ultimo giorno del mondo
proverei a respirare più a fondo
per accorgermi in tempo
di quanto ho lasciato cadere nel vento
ho perduto nel tempo
Se oggi fosse l’ultimo giorno che c’è
lo vorrei dedicarmi un po a te
sai per assicurarmi di portare per sempre il ricordo di un sorriso di un volto
L’ultimo giorno del mondo
L’ultimo giorno che c’è
Ho una musica in testa
oggi è un giorno di festa se
da domani la rabbia
vale un pugno di sabbia
ma dei cuori che abbiamo infranto
qualche sogno è rimasto intatto
tanto vale lasciare il dolore al passato
e gioire che è meglio
fammi dare un ultimo sguardo al mio cane
a mia madre e alla mia stanza
mentre Emi canta
Se se… oggi fosse l’ultimo giorno del mondo
proverei a respirare più a fondo
per accorgermi in tempo
di quanto ho lasciato cadere nel vento
anche un solo dettaglio
Se oggi fosse l’ultimo giorno che c’è
lo vorrei dedicarmi un po a te
sai per assicurarmi di portare per sempre il ricordo di un sorriso di un volto

Scroll To Top